Una cornice suggestiva e una cucina di alta qualità.

Lo storico ristorante “Da Isidoro” è nel cuore di Palinuro, affacciato sulla sua strada principale, location dello “struscio” nelle calde serate estive.
Da lì si giunge fino alla “piazzetta” Virgilio.

 

Accogliente e curato nei minimi dettagli, “da Isidoro” è una piccola finestra su Palinuro, tra gerani “Palinuro” e vista sul promontorio e sul faro, che svettano sullo sfondo e visibili quasi da ogni punto della sala.

 

A fare la qualità di Isidoro sono, innanzitutto, i prodotti, la cui scelta selezionata e accurata viene fatta in prima persona dal titolare, Gianni. Olio extravergine del Cilento di produzione propria, direttamente dagli uliveti delle colline di Licusati, vino di produzione propria, vendemmiato direttamente dalle mani del padrone di casa ed etichettato, secondo tutte le norme in materia di imbottigliamento.

 

Ed ancora, alici di menaica pisciottane, presidio Slow Food e tonno di altissima qualità sono tra i prodotti che si trovano su freselle, pizze e insalate. Ma l’attenzione al prodotto va oltre, dal pesce freschissimo e acquistato quotidianamente in pescheria in base a ciò che il mare offre ogni giorno, come salmone e baccalà, agli ortaggi freschissimi, come il rinomato carciofo di Pertosa.

 

Ed ancora, farine e pasta di qualità, oggetto delle migliori lavorazioni a nome di grandi e prestigiosi marchi e carni genuine scelte da produttori locali certificati.

Il pesce e la “Vicciatella della Nonna”, gusto e tradizione.

“Da Isidoro” è noto per le sue pietanze di pesce fresco, sapientemente preparate.

Dagli antipasti con insalata di mare, alici marinate, gamberetti pastellati e fritti, ai risotti alla crema di scampi o ai frutti di mare, strascinati con gamberetti e carciofi, spaghetti alla palinurese con alici di menaica, olive e pane tostato. Per i secondi, Da Isidoro propone zuppe di pesce, grigliata di gamberoni, pesce spada e seppia, alici grigliate, baccalà alla pizzaiola gratinato, frittura di calamari.

 

Ma il piatto di punta del Ristorante è la “Vicciatella della Nonna”, a base di verdure miste e stagionali e una fresella di grano posta al centro del piatto. Intorno vengono posti piccoli assaggi di lattuga, pomodorini, carotine, melanzane, peperoni e fagiolini. La fresella può essere condita con il tradizionale uovo al tegamino o con le alici marinate, piuttosto che con l’insalata di polipo.